Come colorare i fiori freschi

Trovare ogni giorno attività nuove da fare non è facile ma i libri mi vengono sempre in aiuto, sono una fonte praticamente inesauribile di spunti e di idee. Basta solo un pò di creatività e tanta immaginazione!

Oggi vi voglio presentare una specie di magia, un esperimento che porterà colore e allegria in tutta casa e che divertirà moltissimo i vostri bambini!

 

Il gatto stregato

Partiamo prima di tutto da qui, dal libro di oggi, Il gatto stregato edito da Lavieri. Questa dolcissima storia tutta in rima parla di amore, di magia e di tenerezza, quel candido sentimento che i bambini avvertono come qualcosa di potentissimo (proprio come gli incantesimi) ma ancora sconosciuto.

E’ un grande messaggio di coraggio: perché amare vuol dire anche mettersi in gioco, mostrare le proprie fragilità, esporsi al giudizio degli altri e rivelare i proprio difetti. Amare vuol dire rischiare. Non c’è magia più grande dell’amore, è un’alchimia indecifrabile e non riproducibile né ricreabile a tavolino. Non si può imporre di amare e non si può deciderlo a priori: succede e basta.

Grazie a incantevoli illustrazioni ad acquerello, che evocano delicatezza e armonia, questo libro incanta per la spiccata fantasia e il mondo magico che riesce a creare. Ed è subito voglia di sperimentare subito qualche pozione magica per far galoppare la nostra immaginazione!

 

Tutorial per colorare i fiori

Anche se i fiori sono sicuramente bellissimi così, può essere davvero carino provare a colorarli partendo da petali bianchi.

Questo esperimento è molto utile per i bambini di prima elementare che stanno iniziando a capire come funzionano i vegetali e come assorbono il loro nutrimento. Infatti i fiori assimileranno non solo l’acqua ma anche il colorante che andrà a tingere i petali bianchi.

Cosa serve

  • fiori bianchi acquistati dal fiorista: l’esperimento non riesce perfettamente con fiori recisi presi dal giardino, che sono più delicati e tendono a sfiorire più facilmente. Io vi consiglio di utilizzare rose, calle o margheritone.
  • piccoli vasetti di vetro
  • colorante alimentare liquido o in gel in varie tonalità
  • forbici
  • acqua

Come colorare i fiori

  • Per prima cosa prepariamo i fiori: i gambi vanno tagliati a 45° e abbastanza corti in modo tale che riescano ad assorbire più velocemente l’acqua colorata.
  • Una volta recisi i gambi, lasciateli fuori dall’acqua, in un luogo fresco e in ombra per almeno 2/3 ore: in questo modo si “stresserranno” molto e quando li metterete nei vasetti berranno l’acqua molto più velocemente.
  • Preparate un vasetto per ogni colore: scegliete contenitori non troppo capienti in modo che il rapporto tra acqua e colore sia contenuto e la densità del colore alta. In questo modo i fiori assorbiranno più colore. Più colore metterete e più vivace sarà la colorazione del fiore.
  • Nei supermercati troverete 4 colori di base in versione liquida: rosso, verde, giallo e blu. Se desiderata come noi provare altre tonalità avete due strade: o realizzarli con l’unione dei colori oppure utilizzare quelli alimentari in gel che si acquistano nei negozi specializzati in prodotti per dolci. Troverete tutte le tonalità che desiderate.

  • Qualche esempio:
    Blu + rosso = viola
    Rosso + giallo = arancione
    Giallo + verde = verde acido
    Blu + verde = verde acqua
  • A questo punto immergete gli steli (devono essere quasi completamente coperti dall’acqua) e lasciate riposare  i fiori per diverse ore. Ve lo anticipo: dovrete avere molta, molta pazienza. Ci vogliono minimo 48 ore per vedere la prima tonalità.
  • Attenzione: non aspettatevi una colorazione strepitosa. Il risultato che otterrete è di una delicata ombreggiatura colorata che nulla ha a che vedere con i fiori tinti che trovate dal fiorista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *