10 cose da fare ad Hoi An in Vietnam

Hoi An è una delle città storiche più belle e pittoresche del Vietnam.

Con il suo centro storico rimasto intatto nei secoli, con il suo romantico lungo fiume illuminato dalle lanterne, con i colori pastello degli antichi palazzi e i localini di ispirazione francese dal sapore coloniale, è in assoluto uno dei luoghi che più abbiamo amato in questo meraviglioso paese.

Noi siamo stati 4 giorni nella zona di Hoi An, dividendoci fra la visita della città vecchia e una sosta nelle belle spiagge che si trovano a due passi dal centro.

Vi consigliamo di prendervi del tempo da dedicare a questa incantevole città che sembra uscita da un romanzo: non abbiate fretta e concedetevi qualche attività da fare per godervi appieno l’atmosfera di Hoi An.

 

Passeggiare nella città vecchia

centro-storico-hoian

Addentrandovi nella città vecchia vi sembrerà di aver fatto un viaggio a ritroso nel tempo.

Dichiarata Patrimonio Unesco, Hoi An vanta un centro storico perfettamente conservato e rimasto illeso dal tempo e dalle guerre.

I suoi colori pastello, le sue facciate squisitamente decadenti, dal fascino coloniale, le numerose influenze cinesi e giapponesi, i romantici tramonti sul fiume vi faranno letteralmente innamorare di questa piccola cittadina.

Passeggiate senza fretta, fermatevi nelle botteghe, assaporate ogni antico portale: a me è scesa una lacrimuccia quando abbiamo lasciato Hoi An.

 

Seguire un cooking class

cookingclass-hoian

Io ho avuto la fortuna di seguire un corso di cucina vietnamita durante il nostro soggiorno sul fiume Mekong, ma ho potuto constatare che erano moltissimi i ristoranti e i locali sul fiume che proponevano i cooking class.

E’ una bellissima esperienza: se amate la cucina e conoscete bene l’inglese, avrete modo di apprendere i rudimenti della cucina vietnamita, entrare in contatto con la gente del posto e infine cenare con le pietanze da voi preparate!

E’ molto carino anche farlo in coppia: sarà un’esperienza da ricordare.

 

Noleggiare le biciclette ed esplorare i dintorni

biciclette-hoian

Non lasciatevi spaventare dal caotico e anarchico modo di guidare dei vietnamiti. Per fortuna Hoi An non è Hanoi o Saigon: il traffico è sicuramente più contenuto e le strade più piccole.

Noi ci siamo veramente divertiti, e una volta superata l’iniziale paura di essere investiti, ci siamo anche addentrati nella campagna, fra campi coltivati e abitazioni locali, seguendo il fiume e arrivando fino alle spiagge.

E’ un’esperienza che vi consiglio al 100%, soprattutto per vedere la vita quotidiana al di fuori delle zone più turistiche.

Se state visitando il Vietnam nella stagione umida, vi consiglio di noleggiare le biciclette nel tardo pomeriggio o di prima mattina.

 

Curiosare fra i banchi del mercato centrale

mercato-hoian

Io amo alla follia i mercati, quelli alimentari in particolare.

E’ il modo migliore per vedere da vicino la vita quotidiana, la gente del posto e osservare le usanze locali. Si possono vedere mille cose diverse dalla nostra realtà, si entra in contatto con profumi e sapori molto lontani dalle nostre abitudini e si osservano oggetti e alimenti incredibilmente strani.

Il mercato di Hoi An è caldo, afoso e un pochino claustrofobico ma è anche immensamente colorato e ricco di cose da vedere, fotografare e acquistare. Noi abbiamo comprato un meraviglioso set di ciotole in legno per zuppe che ancora oggi uso tutte le settimane!

 

Osservare lo spettacolo delle lanterne

lanterne-hoian

Quando il sole inizia a calare (e spesso regala dei tramonti infuocati da cartolina), la città si ammanta di magia.

Vengono accese centinaia di lanterne colorate dalle classiche forme fino a quelle più bizzarre, fantasiose e originali installazioni posizionate nel fiume.

E’ uno spettacolo che lascia senza fiato e senza parole: io sarei rimasta ore a guardarle. Ed è ancora più bello durante il periodo di luna piena, quando si festeggia la “notte di Hoi An“: tutta la città vecchia si illumina solamente con la luce irradiata dalle lanterne di seta e di carta, trasformando la città in un mondo magico.

 

Assaggiare la cucina locale

cucina-hoian

Io adoro immensamente la cucina vietnamita: aromatica, profumata, leggera e mai banale.

Qui ad Hoi An abbiamo provato tutti piatti di pesce: grigliati, in umido, stufati. Il pesce è il grande protagonista della cucina locale e granchi, calamari, gamberi e molte altre prelibatezze sono gli ingredienti da provare e da degustare nei tanti ristorantini affacciati sul fiume o vicino al mare.

Parola d’ordine: provare, provare, provare.

 

Sedersi in locale affacciato sul fiume

locali-hoian

Una delle cose che più mi è rimasta impressa di Hoi An, oltre alle lanterne e alle sartorie, sono i locali.

Gironzolando nella città vecchia vi imbatterete in numerosi caffè dall’atmosfera coloniale: colorati, arredati in maniera impeccabile, accoglienti e colorati.

Sono il modo migliore per fare una pausa dalle scarpinate e dal caldo, sorseggiando una birra fresca o un delizioso frullato di frutta esotica, mentre si riguardano le foto, si scrivono le cartoline o semplicemente si gode la vista di questa città così esotica e romantica.

 

Sostenere la produzione artigianale locale

artigianato-hoian

In Vietnam tutto è economico e abbordabile.

I prodotti di artigianato sono a buon mercato e i prezzi vi sembreranno veramente irrisori. Hoi An in particolare è chiamata anche la città dei sarti e capirete perché.

Esiste una via dove si susseguono le botteghe di sartoria: per pochi euro vi realizzeranno abiti (anche da sera e da cerimonia), cappotti, vestiti e capi di abbigliamento su misura e nel giro di due giorni.

Mi sono chiesta allora e anche oggi se sia una forma si sfruttamento o di lavoro: alla fine sono giunta alla conclusione che quello che per noi è un prezzo irrisorio, in realtà per loro è uno stipendio e credo di aver fatto bene a sostenere il lavoro e la produzione artigianale locale facendomi confezionare un cappottino che ancora oggi mi ricorda quella stupenda città ogni volta che lo indosso.

Ma oltre alle sartorie Hoi An è ricca di botteghe di artigianato di ogni tipo e di grande bellezza in cui trovare l’oggetto ricordo da riportare a casa con voi.

 

Concedersi un pò di relax nelle spiagge vicine

spiagge-hoian

Il mare di Hoi An non sarà certo quello limpido della Thailandia ma è comunque una bella occasione per concedersi una pausa dalle visite culturali e dal caldo.

La lunga spiaggia di sabbia bianca orlata di palme è veramente incantevole: potrete nuotare, passeggiare al tramonto o gustarvi il succo di cocco fresco sotto il palmeto.

 

Visitare una congregazione o una casa antica

congregazioni-hoian

Ad Hoi An ci sono oltre 800 edifici storici tutelati come patrimonio storico e particolarmente diffusa è la presenza cinese.

Le comunità cinesi sono arrivate ad Hoi An da diverse parti dell’Asia e hanno fondato le Hoi Quan, ovvero le sale riunioni utilizzare per assemblee, raduni sociali e celebrazioni.

Sono tutte molto antiche, pittoresche, affrescate ed estremamente affascinanti perchè raccontano uno spaccato di storia locale e di conservazione delle culture.

Un’altra visita che vi consiglio è quella a una casa antica: sono edifici sopravvissuti alle guerre e alle traversie storiche ma sono soprattutto mirabili esempi di architettura tradizionale purtroppo scomparsa in molte parti del Vietnam.

Cortili ombreggiati, porte in legno che conservano i segni del tempo, intagli e motivi di influenza giapponese, arredi originali: sarà come fare un viaggio nel tempo e nello spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *