Florida con bambini in primavera, cosa fare

La Florida, chiamata anche Sunshine State, è uno degli stati americani più adatti per le famiglie grazie all’altissima concentrazione di attrazioni, di cose da fare e da vedere.

Rifugi per animali, parchi a tema per grandi e piccini, riserve naturali, passeggiate nella natura, delfini e coccodrilli, tartarughe e razzi spaziali, spiagge infinite e giostre velocissime. In pochi chilometri tantissime opportunità di scoprire la natura, viaggiare con la fantasia e immaginare di volare nello spazio.

In questo articolo troverete tanti spunti da inserire nel vostro programma di viaggio, in base ai vostri interessi e all’età dei vostri figli.

👉LEGGI il nostro itinerario in Florida!

E quando proprio non saprete più cosa fare, basterà distendersi al sole, fare castelli di sabbia e tuffarsi fra le onde!

Disney Magic Kingdom e gli altri parchi a tema

I parchi a tema Disney e Universal sono la grande e più importante attrazione della Florida: sono così tanti e così vasti da occupare una porzione di terra enorme, con annessa rete stradale e ferroviaria interna.

Solamente Disney World occupa ben 100 kmq e comprende 4 parchi diversi: Magic Kingdom, Epcot, Hollywood Studios e Animal Kingdom. Invece gli Universal Orlando Resort comprendono Islands of Adventure e Universal Studios, con tante aree tematiche diverse, dai super eroi e i film di animazione più famosi della storia, alle serie tv fino alla nuova zona dedicata interamente dedicata al magico mondo di Harry Potter.

Ce ne sono per tutti i gusti e le età e occorre pianificare molto bene l’organizzazione della visita, per non soccombere alla stanchezza e alla vastità dei parchi. Si può scegliere di visitarli tutti, una selezione in base ai singoli interessi o solamente uno.

La scelta del parco da visitare non è banale: i costi sono elevati, alcune attrazioni hanno limiti di altezza e per effetti speciali e livello adrenalinico non tutti sono adatti a tutte le età.

Ad esempio Islands of Adventure è interamente incentrato sull’avventura, sulla paura e sulla sorpresa ed è caratterizzata da un’incredibile tecnologia di simulazione motoria, stimolazione sensoriale e immersione tridimensionale. Infatti è proprio qui che si trovano le aree dedicate ai supereroi della Marvel e ai dinosauri di Jurassic Park.

👉🏻LEGGI il nostro speciale su Magic Kingdom!

 

Sognando lo spazio al Kennedy Space Center

Per i bimbi dai 4/5 anni in su il Kennedy Space Center è un’esperienza incredibile e coinvolgente.

Vedere da vicino colossi dello spazio, interagire attivamente con strumentazioni, simulatori e giochi interattivi, concretizzerà dal vivo le fantasie dei vostri figli. Questo parco è stato pensato e realizzato per stuzzicare gli interessi di tutti i visitatori, grandi e bambini.

Ci sono aree con filmati e documentari, forse adatti ai ragazzi più grandi, incontri con gli astronauti, indicati a chi ha una buona padronanza della lingua, zone interattive per avvicinare i bambini al mondo della ricerca spaziale fino ad arrivare ai simulatori di lancio e di gravità il cui accesso è regolamentato da ferrei limiti di età e altezza.

In ogni caso, sempre visti i costi e il tempo che ci si deve dedicare (una giornata intera), consiglio la visita più che altro a bambini sopra i 4 anni, che possano capire, interessarsi e apprezzare un mondo sicuramente affascinante ma non intuitivo.

 

Come Cars sulla pista di Daytona

Un altro mondo vi aspetta sul circuito più famoso degli Stati Uniti, ovvero Daytona Speedway, quello di Cars, che ha fatto appassionate milioni di bambini in tutto il mondo.

Il film di animazione della Pixar, infatti, trae ispirazione, oltre che dalla Route 66, anche da questa pista automobilistica leggendaria: la Piston Cup Race, immortalata nel film e vinta svariate volte da Saetta McQueen, il protagonista della saga, non è altro che il campionato Nascar che si svolge proprio a Daytona.

Seguendo uno dei frequenti tour da 1 ora, i vostri bimbi potranno impazzire a vedere le auto sfrecciare come bolidi, vedere da vicino la pista, farsi fotografare come un pilota e a trovarsi dal vivo con la mitica Hudson Hornet, il personaggio Doc del film.

 

Visitare l’ospedale delle tartarughe alle Keys

Avvicinare e sensibilizzare i bambini ai temi ecologici è molto importante e sono stata davvero felice di aver portato nostro figlio al Turtle Hospital, nell’isola di Marathon, sulle Keys.

Qui vengono spiegate ai bambini le principali cause di intervento: la presenza massiccia di plastica nel mare, la pesca selvaggia, la velocità eccessiva di imbarcazioni e motoscafi e l’inquinamento delle acque che porta l’insorgere di tumori della pelle.

Poi si visitano le sale operatorie e i grandi vasconi dove vengono tenute le tartarughe prima e dopo gli interventi, comprese quelle che purtroppo non potranno essere liberate in mare a causa di menomazioni debilitanti e permanenti come la perdita di un arto o della coda.

Questa visita è perfetta nelle ore torride del primo pomeriggio, quando girare e stare in spiaggia è davvero proibitivo!

 

Un corsa sull’acqua alle Everglades

Il Parco Nazionale delle Everglades è un’immenso mare d’erba, una regione subtropicale di natura paludosa di circa 1,5 milioni di acri.

Qui vivono tantissime specie di animali: moltissimi uccelli, alligatori, procioni, tartarughe di vari tipi, la pantera delle paludi e perfino i delfini che trovano riparo nei canali.

Diciamo che rispetto a molti altri parchi nazionali americani, questo è decisamente più particolare e meno diretto: non ci sono montagne, non ci sono attrazioni particolari. E’ un ecosistema molto vasto e per la maggior parte inaccessibile.

Uno dei modi per addentrarsi al suo interno ed esplorarlo nelle zone più difficili da raggiungere è un’escursione sulle airboat, delle specie di barche piatte con sedili che vengono mosse da motori con grandi eliche, adatte a navigare in acque poco profonde e paludose. All’interno del parco vi sono tantissime compagnie che propongono questo tipo di escursione: per la maggior parte sono veicoli molto rumorosi, che vengono fatti sfrecciare per i canali naturali formati dalle foreste di mangrovie, provocando spesso danni consistenti alla vegetazione, inquinamento e disturbo della fauna.

Come viaggiatori e come genitori, cerchiamo il più possibile di fare un turismo di tipo responsabile. Per questo motivo vi consigliamo Everglades City Airboat Tours. Sono i primi ad essersi inventati questo business ma nel rispetto dell’ambiente: fanno tour più corti, da un’ora circa, seguono percorsi che non sono invasivi per le mangrovie, quindi a basso impatto ambientale, non sfrecciano a tutta birra ma soprattutto sono gli unici che non ti portano a vedere i santuari degli alligatori, ovvero gli allevamenti in cattività.

Il giro è veramente divertente, con le cuffie Two Way potrete sentire tutte le spiegazioni senza il rumore del motore e avrete la possibilità di vedere moltissimi animali da vicino!

 

Inventore per un giorno

Se i vostri figli sono curiosi e amanti delle invenzioni allora non dovete perdervi a Fort Myers la casa di Edison, il celebre inventore cosi geniale da aver prodotto più di mille brevetti nel suo incredibile laboratori0, che potrete visitare.

La grande tenuta, circondata da giardini botanici e conservata con tutti i suoi arredamenti originali, è corredata da un magnifico museo con tutte le invenzioni di Edison e le trovate del suo grande amico Ford.

Qui si trova un’ampia sezione dedicata proprio ai bambini con la possibilità di costruire un kinetoscopio ovvero una sorta di precursore di un proiettore cinematografico con immagini statiche che corrono in rapida successione oppure disegnare con il ciclostile, un duplicatore di disegni che si basa fondamentalmente sullo stencil, il trasferimento del colore attraverso una maschera sagomata.

 

All’arrembaggio Pirati!

Le lunghe e sconfinate coste della Florida erano la meta ideale per le scorribande delle navi pirata che partivano dalle isole caraibiche, dove si trovavano i loro covi misteriosi, per razziare le città affacciate sul mare.

Inoltre, vicino alle coste della Florida, passavano le rotte delle navi spagnole cariche di oro prelevato in Sud America, facili bersagli per l’artiglieria dei pirati.

Infatti le acque al largo della Florida ospitano migliaia di relitti affondati, anche a causa delle terribili tempeste tropicali. Ci sono numerosi musei che ospitano i carichi recuperati in mare, i forzieri e gli oggetti d’epoca.

Musei dedicati ai pirati e ai tesori sepolti

Calarsi nella Storia a St. Augustine

La cittadina spagnola fu teatro di terribili ed efferati saccheggi da parte dei pirati. Nel 1586 da Sir Francis Drake che la diede alle fiamme e nel 1668 da Robert Searle che passò alla spada ogni singolo abitante della città, bambini compresi.

Per questo motivo venne costruito il Castillo de San Marco, un’imponente fortezza difensiva per avvistare le navi pirata e affondarle prima del loro attracco.

Ricostruzioni storiche

I tragici eventi sopra descritti ogni anno vengono rivisitati con meticolose ricostruzioni storiche a St. Augustine, in cui vengono curati tutti i dettagli di accuratezza storica.

 

Avvistare tantissimi animali

La Florida è un ottimo posto per avvistare gli animali, sia di terra che di mare. Noi non pensavamo fosse così facile e invece siamo tornati davvero entusiasti. La presenza massiccia di centri naturalistici, parchi e riserve naturali, rende la Florida un luogo davvero ricco di fauna e flora inusuale.

A tu per tu con i lamantini

Questi colossali quanto teneri mammiferi erbivori, con una stazza di 450 kg e 3 metri di lunghezza, sono solitari ma giocherelloni e ogni inverno migrano negli estuari della Florida, per cercare acque più tiepide.

Da novembre a marzo, ma non è matematico, li troverete un pò anche ad aprile, popolano i fiumi e le sorgenti della Florida le cui acque segnano i 22 gradi anche d’inverno: sono talmente tanti da occupare i fiumi in maniera massiccia. Vederli quindi non è raro e non è difficile, grazie alla loro stazza: in alcune riserve si può addirittura nuotare con loro, anche se è sconsigliato ai bambini piccoli.

Dove vederli

  • Crystal River Kings Bay
  • Homosassa Springs
  • Lee County Manatee Park, a Fort Myers
  • Tutta la Space Coast: amano i canali della Canaveral National Seashore, della Mosquito Lagoon e della Indian River Lagoon
  • Blue Spring State Park che attira fino a 200 manati

In realtà si possono vedere sempre dove ci sono piccoli fiumi e sorgenti, come ad Anna Maria Island, alla Robbie’s Marina e anche nei fiumi sulla Gulf Coast. Insomma occorre avere un pò di fortuna, soprattutto se viaggiate fuori dal periodo consigliato.

A caccia di alligatori

Sono sincera, non pensavo che alle Everglades si potessero vedere così tanti alligatori.

Si trovano praticamente e potenzialmente ovunque e occorre prestare moltissima attenzione: se è vero che si muovono solo per cacciare e che passano gran parte della loro esistenza immobili, è vero anche che sono esseri primordiali che ragionano solo nei termini di fame/preda. Banditi quindi i selfie stupidi e il tentativo di dare loro da mangiare per non rischiare di perdere mano ed arto che la tiene attaccata.

I migliori posti per vederli

  • Big Cypress Bend: una camminata su passerelle di legno.
  • Il fossato davanti all’Oasis Visitor Center: ne abbiamo contati oltre 40 tutti nel fossato
  • Nei vari sentieri che partono dal Shark Valley Visitor Center: attenzione, se noleggiate le biciclette, a non avvicinarvi troppo ai ruscelli e canali di scolo nelle cui acque si appostano gli alligatori.
  • Lungo l’Anhinga Trail, un sentiero a passerella in mezzo alle paludi.

Altri luoghi per vederli

Se dopo le Everglades avete ancora voglia di vedere alligatori allora potete recarvi qui:

Non pensate che siano tenuti in aree riservate: si muovono in totale libertà e tocca ai visitatori essere prudenti e armarsi di buon senso.

Seguendo le tartarughe marine

©VisitFlorida

La stagione di nidificazione delle tartarughe marine va da maggio a ottobre e ci vogliono circa due mesi prima che le uova si schiudano una volta deposte.

In molti punti della Florida è possibile fare delle escursioni insieme ai ranger per vedere le tartarughe e se siete fortunati anche la schiusa delle uova.

Dove vederle

  • Jupiter Island: 5,5 km di spiagge amate dalle tartarughe per la nidificazione. Qui si possono seguire passeggiate notturne dedicate alla loro osservazione insieme ai ranger del Hobe Sound National Wildlife Refuge con prenotazione obbligatoria
  • Merrit Island National Wildlife Refuge: anche qui possibilità di avvistare le tartarughe nei 566 kmq della riserva che ospita anche altre 500 specie di animali. Attenzione: la riserva chiude nei 3 giorni che precedono un lancio per questioni di sicurezza.
  • John D.Macarthur State Park: Escursioni guidate con i ranger per avvistare le tartarughe marine.
  • St. George Island State Park: qui nidificano le tartarughe carette.

Snorkeling sulla barriera corallina

©VisitFlorida

Le coste della Florida sono un vero paradiso subacqueo cui si può accedere sia con escursioni in barca che immersioni e snorkeling.

Dove ammirare la fauna marina

Alla ricerca dei cervi della Florida

©VisitFlorida

La Florida non può dire di vantare la presenza di grandi animali di terra ma ci sono alcune riserve davvero interessanti.

Se desiderate vedere i piccoli cervi delle Keys, molto simili a Bambi, non dovete perdervi il National Key Deer Refuge.

 

Sport per tutta la famiglia

©VisitFlorida

Essendo la Florida pianeggiante e per lo più circondata dal mare, ci sono svariate possibilità di fare sport con tutta la famiglia: kayak, canoa, snorkeling, bicicletta, surf o semplicemente lunghe passeggiate in mezzo alla natura.

Ricordatevi in ogni caso una cosa fondamentale: la Florida è molto calda, soprattutto in estate e alcune escursioni a piedi o in bicicletta possono essere proibitive a causa delle temperature torride e dell’umidità.

Vi consiglio quindi di valutare di volta in volta e sul posto ogni singola attività outdoor e di evitare le ore più calde. Noi ad esempio, in aprile, abbiamo dovuto rinunciare alla bicicletta allo Shark Visitor Center alle Everglades e dopo soli 15 minuti di passeggiata sotto la calotta del passeggino, nostro figlio ha avuto un colpo di calore. Il sole della Florida non perdona!

👉LEGGI tutti i nostri consigli per un viaggio in Florida!

 

Vita da mare

Se dopo tutto questo, ancora non sapete come impiegare il tempo, allora vi consiglio di armarvi di costume, creme solari, paletta, secchiello e formine e portare i vostri bimbi in una delle tantissime spiagge della Florida.

Qualche considerazione

Una premessa doverosa va fatta: la Florida non è i Caraibi. Sarà forse una banalità ma sebbene distino solo un’ora di volo, il mare e le spiagge non sono la stessa cosa, sebbene dappertutto ve le propinino come paradisi tropicali.

Prima di tutto il mare non è così cristallino, secondo è molto più agitato, dal momento che sono litorali aperti, ventosi, lunghissimi e infiniti. Insomma, gli Stati Uniti non sono famosi per le spiagge e per trovare le migliori, occorre andare nella parte alta della Florida, vicino a Pensacola.

In ogni caso, sono litorali affascinanti, adatti soprattutto agli sport acquatici, con sabbia finissima o ricoperta di conchiglie, in cui i vostri bambini si divertiranno moltissimo a fare castelli di sabbia, qualche bagno e a giocare a palla o fresbee.

Le spiagge più belle della Florida

  • Anna Maria Island: è sicuramente la spiaggia che più mi ha colpito per il mare cristallino, il più somigliante a quello caraibico.
  • Dry Tortuga: mare caraibico circondato dall’oceano, un vero paradiso.
  • Sombrero Beach a Marathon sulle Keys: bella spiaggia di sabbia bianca.
  • Key Biscayne Islanda a Miami: bellissima spiaggia di sabbia finissima orlata di palme.

Questa è la nostra personalissima classifica, ma dipende da cosa si intende per spiaggia migliore: la Florida è quasi interamente circondata da spiagge.

Inoltre occorre capire cosa cercate in una spiaggia. C’è chi cerca la limpidezza dell’acqua, chi la ricchezza dei fondali, chi la possibillità di nuotare, chi di praticare surf o sport acquatici, chi la grandezza della spiaggia e chi ancora la presenza di servizi e di attrezzature. Dipende tutto da come siete abituati a vivere il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *