La magia del Natale a New York

Natale a New York

Sono una vera appassionata del Natale e ne vado fiera.

Per me è come ritornare bambina, in quel sogno fantastico in cui credevo così tanto.
Amo tutto del Natale: i colori, gli addobbi, le luci ma sopratutto l’atmosfera magica che si respira e che una volta l’anno ti riempie il cuore e gli occhi.

Se anche voi amate alla follia questo periodo dell’anno così magico, dovete assolutamente andare a New York sotto le feste. Qui ogni cosa e ogni angolo è impregnato dello spirito natalizio. Sarà come fare un viaggio meraviglioso nella fantasia, nel mito (New York è davvero come si vede nei film sul Natale), ma soprattutto nella magia.

Per quel viaggio così speciale (avevo appena scoperto di aspettare il nostro piccolo), ho fatto un lungo lavoro di ricerca sulle “chicche” da non perdere durante il periodo natalizio e molte altre le abbiamo scovate sul posto.

Ho quindi pensato di scrivere un vademecum per il Natale a New York, che possa essere di aiuto e di spunto per coloro che sceglieranno questo periodo così speciale per visitare la Grande Mela.

Perché una cosa va detta: New York è il Natale. Si respira nell’aria, si vede in ogni angolo, si ascolta per tutte le strade, si sente nell’atmosfera che pervade la città, un’aura magica rafforzata anche dal cinema e dalle sue suggestioni. Che abbiate figli o no, che siate degli elfi mancati o dei Grinch cronici, New York a Natale saprà emozionarvi.

 

Quando andare

Partiamo da un dato certo e fondamentale: gli addobbi, gli alberi e le luminarie vengono accesi immediatamente dopo il Thanks Giving Day. Da quel momento parte ufficialmente il periodo natalizio: questo significa che, indicativamente, a partire dall’ultimo week end di novembre, troverete New York addobbata a festa.

Noi siamo partiti il 4 dicembre e tutto era in pieno fermento natalizio.

 

Le luminarie

Diciamocelo chiaramente: gli americani ci sanno fare.

A parte il fatto che New York di per sé sembra un immenso albero di Natale, con tutti i grattacieli illuminati di notte a creare una specie di presepe moderno. Ma durante il periodo di Natale tutto assume un carattere davvero magico. Le luminarie ovviamente si concentrano solo in alcune aree e data la grandezza delle strade e la vastità del “centro”, spesso sono molto diverse dalle nostre.

Non vi aspettate le classiche luminarie tirate da una parte all’altra della strada (sarebbe anche improbabile data la larghezza dei viali): si addobbano i palazzi, si illuminano a giorno i filari di alberi, si creano dei corner a tema.

Angoli particolari

Le decorazioni più esagerate e colorate si concentrano tra la 5th e la 6th Avenue, il cuore della New York ricca e opulenta. E queste decorazioni fanno parte della tradizione, ovvero si ripetono fisse ogni anno.

  • Schiaccianoci giganti: si trovano all’ingresso dell’UBS Bldg fra 52nd e 53rd Streets.
  • Palline di Natale giganti: sono uno dei simboli del Natale a New York e si trovano tra la 49th e la 50th, sulla 6th.
  • Al blocco successivo c’è il treno di giocattoli della stazione di Rockefeller Center, parcheggiato presso la fontana al 1271 di Sixth Avenue.
  • Lampadine di Natale sempre giganti di fronte alla McGraw-Hill Bldg tra la 48th e 49th Streets.
  • In prossimità del blocco successivo presso la News Corp Bldg una famiglia di renne illuminate.
  • Il fiocco di Natale dell’Unicef sulla 57th viene posizionato per le festività dal 1984.

 

Le vetrine

La 5th strada, emblema universale del lusso e dei grandi marchi, è anche famosa per gli allestimenti natalizi delle vetrine.

Qui le principali boutique addobbano vetrine e intere pareti degli edifici con imponenti e spettacolari decorazioni natalizie.

I Grandi Magazzini come Henri Bendel, Lord&Tailor, Saks Fifth Avenue e Macy’s fanno a gara a creare all’interno delle loro vetrine delle vere e proprie storie, dei microcosmi che narrano ogni anno un tema particolare. Impossibile non rimanere incantati e tornare bambini per qualche minuto.

In particolare quelle di Macy’s sono così magiche e incantate da essere soprannominate Santaland: diventano un grande villaggio di Santa Claus con personaggi animati, trenini che scendono da montagne innevate, abeti decorati e perfino una gigantesca scritta Believe sulla facciata! E un intero piano è dedicato alle decorazioni natalizie con tanto di postazione di Babbo Natale che incontra i bambini (come da film!): la fila, sopratutto nei fine settimana, può diventare chilometrica.

Invece i marchi di lusso come Tiffany’s, Bulgari, Cartier, solo per citarne alcuni, si sbizzarriscono all’esterno con luminarie che addobbano e adornano l’intero palazzo, oltre che le vetrine.

 

I migliori mercatini di Natale

L’atmosfera natalizia conferisce a New York, così spigolosa e moderna, una nota dolce e squisitamente romantica.

Oltre a luminarie e decorazioni, contribuiscono a far sognare grandi e piccini i mercatini di Natale: ve ne sono tanti, molto diversi fra loro e punteggiano il cuore di Manhattan con il loro carattere old style.

I mercatini aprono tutti dal Giorno del Ringraziamento ma la loro chiusura può variare di anno in anno: alcuni si fermano il 24 dicembre mentre altri proseguono fino ai primi di gennaio.

Winter Village a Bryant Park

E’ il primo mercatino che abbiamo visitato e mi è rimasto nel cuore, conquistando e mai perdendo la prima posizione nella mia lista dei migliori mercatini di New York.

Incastonato magicamente in mezzo a un fitto di reticolo di altissimi grattacieli, il Winter Village viene ospitato in questo antico parco in stile vintage e anche il mercatino ha la stessa impronta: 125 casette di ferro e vetro, in perfetto stile ottocentesco che incorniciano la pista di pattinaggio e ricordano l’architettura dei passage parigini. Non manca neppure la giostra coi cavalli alla Mary Poppins. Ci sono anche piccoli food corner e attività per i bambini. Indimenticabile.

  • Dove: tra la 5th e la 6th Avenue e tra la 40th e la 42nd Street
  • Come arrivare: stazione Times Square (metro 1, 2, 3, N, Q, R); stazione 42nd-Bryant Park (metro B, D, F, M)
  • Orari: lunedì-venerdì 11-20, sabato e domenica 10-20.

Columbus Circle Holiday Market

Posizionato nei pressi dell’entrata sud ovest di Central Park questo caratteristico mercatino ha un’estetica vintage e un’anima hipster: infatti al Columbus Circle Holiday Market espongono artigiani e talenti di design molto creativi e particolari cui si aggiungono stand gastronomici di alta qualità. Più piccolo e raccolto rispetto agli altri, vi farà sentire davvero a casa e avrete voglia di tornarci più volte.

Infatti siete a due passi da tutto: dalla vivacità notturna di Broadway, dal cuore di Central Park e dalle luci sfavillanti della 5° strada: un luogo stupendo, circondato dalla New York più famosa. Imperdibile.

  • Dove: Columbus Circle
  • Come arrivare: stazione Columbus Circle (metro 1, A, C, D)
  • Orari: lunedì-sabato 10-20; domenica 11-19. Chiuso il Giorno del Ringraziamento.

Grand Central Holiday Fair

E’ un altro mercatino che ho amato immensamente. E come potrebbe essere diverso dal momento che si svolge in uno degli edifici più affascinanti di New York, la Grand Central Station? Qui il taglio e lo stile dei venditori è molto più classico ed elegante, perfettamente allineato all’atmosfera anni ’20 della stazione.

Fra le grandi volte della Vanderbit Hall si snodano i banchi di artigiani di altissima qualità, esclusivamente made in Usa. Passeggiando per la stazione e il mercatino vi sembrerà di fare un salto a ritroso nel tempo, in un’epoca fatta di guanti e cappellini per le signore, soprabiti e scarpe lucidissime per i loro accompagnatori.

Inoltre ha una marcia in più: è al coperto. Da riservarsi per giornate piovose o freddissime.

  • Dove: Grand Central Terminal, nella Vanderbit Hall
  • Come arrivare: stazione Grand Central Terminal (metro 4, 5, 6)
  • Orari: lunedì-venerdì 10-20; sabato 10-19; domenica 10-18. Chiuso il Giorno del Ringraziamento.

Union Square Holiday Market

Molto diverso dai precedenti, questo mercatino, posizionato nella gigantesca Union Square, ricorda quelli europei cui siamo abituati, con decine di casette di legno che racchiudono oggettistica natalizia artigianale più tradizionale.

  • Dove: Union Square
  • Come arrivare: stazione Union Square (metro 4, 5, 6, N, Q, R); stazione 14th Street (metro 1, 2, 3)
  • Orari mercatino: lunedì-venerdì 11-20; sabato 10-20; domenica 11-19. Chiuso il Giorno del Ringraziamento.

 

 

Gli alberi di Natale

Come avrete capito a New York il Natale è una cosa seria e si fa in grande. E quindi anche gli alberi di Natale sono enormi! Vediamo insieme i più belli e spettacolari ma anche i più scenografici.

L’accensione degli alberi cittadini più importanti viene sempre celebrata con una cerimonia arricchita da concerti e spettacoli: le date però cambiano ogni anno.

Rockefeller Center Christmas Tree

L’albero di Natale più famoso della città è sicuramente quello del Rockefeller Center, anche se a mio modesto parere, non è dei più grandiosi. Pur essendo enorme, si perde nell’immensità dei grattacieli sotto cui è posizionato e nel piccolo spazio fra di loro. Nonostante le impressioni è comunque alto fra i 22 e i 30 metri e viene addobbato con circa 50 mila luci e una preziosa stella di Swarowski sulla sommità.

E’ sicuramente il più antico e risale agli anni ’30, all’epoca della costruzione del Rockefeller Center e la cerimonia di accensione delle luci, che per tradizione da inizio al periodo natalizio, è un momento molto sentito dai newyorkesi: viene ripreso dalle emittenti televisive, si organizzano concerti e spettacoli. L’evento è completamente gratuito e accessibile a tutti, a patto di arrivare con qualche ora di anticipo. L’albero del Rockefeller Center è talmente famoso da essere immortalato in decine di film e rappresenta il Natale a New York per eccellenza.

Bryant Park

Altrettanto maestoso e imponente, l’albero di natale del Winter Village ha per me un fascino davvero unico, grazie alla cornice incantevole di questa vecchia piazza.

Washington Square Park

Il mio preferito in assoluto è l’albero di Natale che si staglia nell’affascinante Washington Square Park, nel cuore del Greenwich Village. Ammirandolo da sud potrete vederlo incorniciato dal grande arco, mentre sullo sfondo, lungo la Fifth Avenue, campeggia l’Empire State Building colorato di rosso e verde nei giorni che precedono il Natale.

Madison Square Park

Nella splendida cornice di questa piazza famosa di New York viene decorato un enorme albero di Natale, accompagnato dalla casetta di marzapane e altri addobbi natalizi.

Laghetto Harlem Meer

Un meraviglioso albero di Natale galleggiante viene posizionato in uno dei laghetti di Central Park, quello verso Harlem. Quando l’acqua ghiaccia, l’atmosfera è assicurata.

South Street Seaport

Anche a  Downtown Manhattan c’è un Christmas Tree molto suggestivo, al South Street Seaport: qui, il 24 dicembre, si riuniscono i trenta membri del Big Apple Chorus per cantare i classici “carols” natalizi.

NY Stock Exchange

Anche nel cuore di Wall Street batte un’anima romantica, grazie al grande albero di Natale. Devo dire che questa è la zona che meno mi ha affascinato di New York, ma sotto le festività sembra meno fredda.

Trump tower

Sulla Fifth Avenue gli alberi di Natale si sprecano ma quello all’interno della Trump Tower è davvero affascinante.

American Museum of Natural History

L’Origami Holiday Tree dell’American Museum of Natural History viene decorato con 500 origami fatti a mano da membri della OrigamiUSA society. Davvero originale.

MET

Estremamente sontuoso e barocco il Christmas Tree che sovrasta il Neapolitan Baroque Crèche, un presepe napoletano del XVIII secolo: un tripudio di candele, angeli e cherubini.

Radio City Music Hall

Infine non possiamo non citare il grande albero rosso del Radio City Music Hall, direttamente sopra l’insegna del più celebre teatro di New York.

 

Le piste da pattinaggio

Il cinema ci ha abituato a vedere i suoi personaggi volteggiare più o meno leggiadramente sulle piste di ghiaccio posizionate in diversi punti di New York. E allora non perdetevi l’occasione per sentirvi anche voi dentro a un film.

Wollman Rink a Central Park

Il Wollman Rink è la più famosa e iconografica pista di pattinaggio di New York, immortalata in moltissimi film e posizionata nell’angolo più suggestivo e romantico di Central Park: da un lato i grattacieli anni ’30, dall’altro il ponticello in pietra. Un vero sogno.

The Rink al Rockefeller Center

Anche questa pista fa parte dell’immaginario cinematografico. Nella realtà è piccolina e raccolta e vi possono pattinare solo 150 persone.

Winter Village a Bryant Park

Nella più incantevole e deliziosa cornice natalizia di New York (non si capisce vero, che adoro Bryant Park? 🙂 ) si trova anche la pista di pattinaggio. Qui si possono seguire corsi per imparare a pattinare.

Sky Rink al Chelsea Pier

La pista, risalente al ’69, si trova sul molo 61 a Chelsea ed è aperta sette giorni su sette. E’ frequentata da grandi appassionati di questo sport che si ritrovano per cimentarsi in incredibili evoluzioni sui pattini.

Le Frank Center a Prospect Park

In questo grande parco di Brooklyn potrete fare un giro sui pattini da ghiaccio, oltre alle numerose attività che si svolgono nel periodo natalizio.

 

Location dei film natalizi ambientati a New York

Grazie al cinema ho sognato per anni New York: quanti film mi hanno emozionato, mi hanno fatto desiderare la Grande Mela e per tanto tempo ho immaginato di passeggiarvi proprio sotto le feste. Alla fine ci sono riuscita ed è stato un sogno a occhi aperti.

Vediamo insieme le location di alcuni film che da sempre fanno sospirare i sognatori: io sono andata a cercarle tutte e vi assicuro che non vi deluderanno!

Harry ti presento Sally

Il mio film preferito, da sempre: mi ha fatto sognare, amare e immaginare New York. Gli alberi comprati per strada, le luci, l’atmosfera, le musiche, i Babbo Natale che suonano le campanelle: è veramente così!

Location: il Village e  e Washington Square Gardens, Central Park, MET, West 96th Street e Broadway

Mamma ho riperso l’aereo

Chi si ricorda del terribile Kevin alle prese con improbabili scassinatori?

Location: l’Hotela Plaza, il Rockfeller Center, il ponte di Brooklyn e Central Park, Fao Schwarz.

Serendipity

Come non citare uno dei film più romantici degli anni ’90? Alzi la mano chi non ha speso un pacchetto di fazzoletti e molti sospiri!

Location: Bloomingdale’s, Waldorf-Astoria Hotel, Wollman Rink, Park Avenue, The Mall – Central Park, Serendipity III

Miracolo sulla 34th strada

Se amate lo spirito natalizio sicuramente conoscete a memoria il remake del celebre Miracolo sulla 34th strada: come tornare bambini e credere ancora a Babbo Natale.

Location: Thanksgiving Day Parade a Central Park West, Central Park Zoo, Wollman Skating Rink a Central Park, Times Square, Rockefeller Center, New York County Supreme Court

Elf

E’ un altro classico della filmografia natalizia: atmosfera e ironia, fantasia e magia.

Location: Empire State Building, Park Avenue,  295, angolo fra la 5th Avenue e  East 30th Street, Central Park West, Rockefeller Center, Queensboro Bridge, Bethesda Terrace a Central Park.

Ghost Busters II

E vogliamo parlare di un altro classico degli anni ’80, un mito con cui tutti noi quasi 40enni, siamo cresciuti?

Location: Columbus Avenue, la stazione Hook and Ladder (all’angolo fra 8-14 North Moore Street e Varick Street), MET, Statua della Libertà.

Fao Schwarz

Purtroppo il famosissimo negozio di giocattoli, Fao Schwarz, il paradiso dei giocattoli, immortalato in innumerevoli film, ha chiuso i battenti sulla 5th strada dopo 154 anni di attività. Io ho avuto la fortuna di poterlo visitare e ancora conservo un ricordo incredibile.

Pare che sia stato rilevato da Toys’R’Us e dal sito web si preannuncia un suo ritorno per il Natale 2017.

 

Le luminarie di Dyker Heights

Le luminarie di Dyker Heights

Il più grande tripudio di decorazioni natalizie della città si trova nel quartiere di Dyker Heights, a Brooklyn.

Negli anni ’80 i proprietari di due ville lussuose, Lucy Spata al numero 1152 e Alfred Polizzotto, al numero 1145 sulla 84th, hanno dato vita a quella che sarebbe diventata una tradizione diffusa in tutta la zona: decorare le loro case in maniera esagerata e trionfale.

Da allora tutto il quartiere fa a gara per abbellire le case e i giardini con installazioni fantasiose, colorate, divertenti e decisamente esagerate, esibendo renne illuminate, pupazzi di neve gonfiabili, finti Santa Claus, schiaccianoci giganti e talmente tante luci da illuminare a giorno le strade. La competizione è così alta che alcuni proprietari arrivano a spendere fino a 20.000 dollari per decorare le loro abitazioni in maniera così sontuosa.

La maggiore concentrazione di luminarie è dalla 83rd Street alla 86th Street e tra la 10th e la 13th Avenue: voci di corridoio affermano che Ken Follett si sia ispirato proprio a Dyker Heights per scrivere il suo famoso romanzo Fuga dal Natale.

  • Orario migliore: dal tramonto fino alle 21, orario in cui i proprietari spengono tutto, per ovvie spese di elettricità.
  • Come arrivare: da Manhattan si deve prendere la metro D (le stazioni principali sono 42nd-Bryant Park e 34th Street-Herald Square) direzione Brooklyn e scendere alla stazione sopraelevata 79th Street (angolo New Utrecht Avenue). Calcolate circa 40 minuti di metropolitana. Da qui all’angolo della 13th Avenue e la 83rd Street, dovrete fare una passeggiata di circa 15 minuti a piedi.

 

Passeggiando per la città

Al di là di piste di pattinaggio e mercatini, il Natale a New York viene vissuto e sentito dagli abitanti stessi. Il modo migliore per assaporarne tutta l’atmosfera è quello di girare a piedi, soprattutto nei quartieri residenziali dove potrete ammirare decorazioni esposte in tutte le abitazioni e in tutte le strada. Ogni palo della luce, ogni vetrina e perfino ogni cofano delle camion dei vigili del fuoco mostra con orgoglio qualche addobbo natalizio.

La zona che ho amato di più è sicuramente il Village: qui avrete la tentazione di fotografare ogni casa e ogni portone. Anima vintage, addobbi eleganti e un gusto impeccabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *